A Fiames (BL) un impianto fotovoltaico di monitoraggio e allarme frane
realizzato con moduli Helios

A Fiames, località nei pressi di Cortina d’Ampezzo, in provincia di Belluno, con il contributo di Helios Technology, sicurezza civile e tecnologia fotovoltaica, si incontrano autonomia energetica e rispetto ambientale, in una sintesi perfetta di efficienza tecnica,

Proprio a Fiames infatti è stato recentemente installato un impianto fotovoltaico di monitoraggio e allarme frane realizzato con moduli Helios.

Si tratta di un sistema costituito da celle fotovoltaiche che convertono la radiazione solare in energia elettrica. L’energia viene quindi accumulata in una batteria e utilizzata per alimentare le apparecchiature in grado di monitorare, a monte, eventuali movimenti franosi e segnalare, a valle, il possibile verificarsi della calamità.

L’installazione si è resa necessaria allorché alcuni anni fa la località di Fiames è stata interessata da un “debris flow”, ovvero una colata di materiale detritico, fango e acqua, che ha invaso la Statale Allemagna e alcune proprietà, minacciando inoltre alcune attività produttive.

Progettato e installato dalla ditta padovana Tecno Penta, specializzata nella realizzazione di strumentazioni dedicate al monitoraggio di fenomeni attinenti alla geologia, geodesia e geotecnica, il sistema attualmente si compone di:

-      due misuratori di livello a ultrasuoni installati sul fronte di una vasca di intercettazione di eventuali materiali (fango, ghiaia e acqua) trasportati a valle,

-      un geofono tridirezionale installato a monte della zona di raccolta che è in grado di “sentire” le onde sonore provocate dal debris flow,

-      un sistema di acquisizione e gestione dati in grado di attivare un allarme in caso di “evento”.

L’allarme viene ricevuto da due stazioni semaforiche poste nei due sensi di marcia lungo la statale sottostante e fa scattare la luce rossa di stop.

Un segnale GSM è inoltre inviato all’autorità preposta al controllo delle apparecchiature.

L’alimentazione della strumentazione di misura, delle apparecchiature di controllo e delle stazioni semaforiche avviene mediante due moduli H750 di fabbricazione Helios Technology, ciascuno da 75Watt, e due batterie da 50 Ah.

Tali moduli rappresentano la soluzione ideale per l’alimentazione del sistema di monitoraggio e allarme frane perché garantiscono potenza elevata in uno spazio ridotto. Sono infatti costituiti da 39 celle ad alta efficienza I-Max, in silicio monocristallino, di dimensioni ridotte pari a 165x82,5 mm.

La tecnologia I-Max sviluppata da Helios per la linea di moduli ad alta efficienza permette di ottenere, a differenza dei moduli tradizionali, un notevole aumento della corrente erogata (10-17%) rispetto alla tensione di lavoro tipica di batteria (12-13 Volts).

I moduli Helios sono stati scelti tra le diverse proposte presenti sul mercato per la loro efficienza, durata nel tempo e soprattutto affidabilità.

Da oltre 10 anni, gli H750 vengono utilizzati da Tecno Penta per applicazioni simili all’impianto di Fiames, dimostrando di funzionare correttamente senza dare problemi. Si tratta di moduli che certificati secondo la norma europea CEI/IEC 61215 dal JRC-Joint Reasearch Center di ISPRA, a conferma che le loro caratteristiche meccaniche, fisiche ed elettriche garantiscono la resistenza dei moduli stessi ai peggiori agenti atmosferici, con una vita tipica di oltre 30 anni.

Commissionata dal Genio Civile di Belluno, l’installazione eseguita a Fiames ha beneficiato del finanziamento previsto dalla legge SARNO nell’ambito della prevenzione di danni a cose e a persone, causati da disastri idrogeologici.


 

Per informazioni

Ufficio Stampa: QUID - Via Imperiali 77 - 36100 Vicenza - tel. 0444 512733 - fax 0444 512420 - quid@quidonline.it)