Ambiente Risorse Salute
Rivista e dossier
del Centro Studi l'Uomo e l'Ambiente - Padova
direttore Domenico Ceravolo
 
 

Il fotovoltaico nel porto di Livorno

Silfab SpA firma i moduli fotovoltaici installati sul tetto del deposito della Compagnia Impresa Lavoratori Portuali, a Livorno. Entrato a pieno regime a fine 2010, l'impianto realizzato da Frangerini Impresa Srl, ha il primato della dimensione e della potenza, oltre ad essere il primo a sorgere nell'area portuale livornese.
A convincere i committenti ai imboccare la strada dell'energia rinnovabile è stata la realizzazione di un nuovo capannone in un'area caratterizzata da un'esposizione particolarmente favorevole a soluzioni in grado di ridurre il consumo di energia dell'azienda.
L'impianto, i cui lavori sono iniziati nel giugno 2010, ha una potenza nominale di 806.4 kWp e una produzione annua nell'ordine di 1 milione di kWh, tale da soddisfare l'intero fabbisogno energetico dell'impresa.
L'accordo siglato con la committenza ha impegnato Silfab nella fornitura di 3.360 pannelli, suddivisi in 168 stringhe, da 20 moduli ciascuna, da installare sulla copertura dell'edificio posta ad un'altezza di 13,5 metri. Una soluzione, quella adottata dal team di lavoro, caratterizzata dalla totale integrazione architettonica dell'impianto che si estende su una superficie totale di 10 mila mq.

Per le loro particolari caratteristiche qualitative e costruttive, sono stati scelti i moduli della serie SLA da 240 Watts di picco, in silicio monocristallino con un'efficienza complessiva del 14,7%. Realizzati con 60 celle ad alta efficienza da 156x156 mm, i moduli SLA hanno dimensioni di 1650x990x38mm, 19 Kg di peso e un'area di 1,63 mq, consentendo così di ottimizzare il rapporto spazio/rendimento.

Le ottime prestazioni dei moduli utilizzati si traducono, per l'ambiente, in benefici significativi e facilmente misurabili: l'impianto permette non solo di produrre energia pulita, ma anche di abbattere in modo considerevole le emissioni di anidride carbonica, con una riduzione annuale pari a 766 tonnellate di CO2.
Le esigenze dell'impianto fotovoltaico sono state attentamente considerate anche nella fase di progettazione del fabbricato destinato ad ospitarlo, tanto da indurre lo staff di Frangerini Impresa, il l'ingegnere. Alberto Locci, progettista, e il responsabile tecnico CILP, il dott. Roberto Signori, a prevedere alcune modifiche per realizzare un supporto ideale. Nell'obiettivo di ottenere il massimo rendimento e beneficiare al meglio degli incentivi, si è scelto infatti di modificare l'orientamento dell'orditura che nel progetto iniziale era impostata in direzione nord-sud. Il nuovo orientamento est-ovest e l'inserimento all'interno del progetto di shed al posto di coppelle sono stati elementi basilari per l'impostazione dell'impianto. Inoltre, l'inclinazione è stata determinata in maniera da evitare ombreggiature, compatibilmente con i vincoli costruttivi. Queste soluzioni progettuali hanno determinato, a livello architettonico, la completa integrazione dell'impianto fotovoltaico che è così in grado di beneficiare del massimo incentivo per impianti di questa taglia, pari cioè a 0,4224 euro al kWh.

___________________________
INFORMAZIONI SULL'IMPIANTO:

Moduli
: Silfab SpA
Installatore: Frangerini Impresa Srl; Via delle Corallaie 24/4 - 57121 Livorno, Loc. Picchianti - Tel. +39 0586 444211; www.frangerini.it
Progettista: Ing. Alberto Locci, Studio Ing. Locci, Livorno
Direttori tecnici: Ing. Massimo Asei e Geom. Massimo Vannucci, Frangerini Impresa srl


Per contatti:
SILFAB SpA
Via Medoaco 4 - 35135 Padova, Italy - Tel. +39 049 9431374 -www.silfab.eu- info@silfab.eu


UFFICIO STAMPA:
Quid Comunicazione - Vicenza - quid@quidonline.it - tel. +39 0444 512733 - fax +39 0444 512420
Dr. Laura Ceccon - l.ceccon@silfab.eu - laura@quidonline.it - +39 347 3775409. www.quidonline.it


19 gennaio 2011